VENIS SPA - Venezia Informatica e Sistemi
Pubblica amministrazione

Procedura aperta previa consultazione in modalità telematica per l’affidamento della fornitura, installazione e collaudo del sistema dedicato al progetto sperimentale denominato “Gestione Integrata della mobilità, ztl, smart parking …” per la gestione integrata delle aree di parcheggio Stalli Blu, Bianchi e Disabili della Città di Venezia, rif. VE2.2.1.b. L’iniziativa si colloca nell’ambito del Piano Operativo della Città di Venezia (P.O.) finanziato dai fondi PON METRO 2014-2020”: Bando

Oggetto: Procedura aperta previa consultazione in modalità telematica per l’affidamento della fornitura, installazione e collaudo del sistema dedicato al progetto sperimentale denominato “Gestione Integrata della mobilità, ztl, smart parking …” per la gestione integrata delle aree di parcheggio Stalli Blu, Bianchi e Disabili della Città di Venezia, rif. VE2.2.1.b. L’iniziativa si colloca nell’ambito del Piano Operativo della Città di Venezia (P.O.) finanziato dai fondi PON METRO 2014-2020”
Tipologia di gara: Procedura Aperta
Criterio di aggiudicazione: Offerta economicamente più vantaggiosa
Modalità di espletamento della gara: Telematica
Importo complessivo a base d'asta: € 550.000,00
Importo, al netto di oneri di sicurezza da interferenze e iva, soggetto a ribasso: € 540.500,00
Oneri Sicurezza da interferenze (Iva esclusa): € 9.500,00
CIG: 7159050AF1
CUP: F71E16000350007
Stato: Gara chiusa
Motivazione: chiusa
Centro di costo: U.O. Acquisti, Contratti, Amministrazione e Bilancio
Aggiudicatario provvisorio : PROJECT AUTOMATION S.p.A.
Data aggiudicazione: 18 dicembre 2017 0:00:00
Importo aggiudicazione: € 430.650,48
Data pubblicazione: 31 luglio 2017 0:00:00
Termine ultimo per la presentazione di quesiti: 11 settembre 2017 13:00:00
Data scadenza: 18 settembre 2017 13:00:00
Documentazione gara:
Per richiedere informazioni: “Area Acquisti, Gare e Contratti” - email: ufficio.acquisti@venis.it
- venis@venis.it - protocollo@pec.venis.it

Fornitura, installazione e collaudo del sistema dedicato al  progetto sperimentale denominato “Gestione Integrata della mobilità, ztl, smart parking …” per la gestione integrata delle aree di parcheggio Stalli Blu, Bianchi e Disabili della Città di Venezia, rif. VE2.2.1.b. L’iniziativa si colloca nell’ambito del Piano Operativo della Città di Venezia (P.O.) finanziato dai fondi PON METRO 2014-2020”.

Il Piano Operativo (P.O.) è un documento programmatico che individua le priorità e le strategie di sviluppo della Città Metropolitana di Venezia per le annualità 2014-2020 e ne identifica le progettualità da realizzare nei settori dell'Agenda Digitale, dell'efficienza energetica, della mobilità sostenibile, del disagio abitativo e dell'economia sociale.

Il Programma Operativo Nazionale Città Metropolitane 2014-2020 (cosiddetto PON METRO) è a valere sui fondi strutturali FESR e FSE.

Il soggetto Beneficiario del PON METRO è il Comune di Venezia (in qualità di Autorità Urbana) (www.comune.venezia.it/ponmetrovenezia).

Il soggetto Attuatore del progetto VE2.2.1.b è VENIS SPA, società inhouse del Comune di Venezia, giusta DGC n. 388 del 12 dicembre 2016 e Convenzione firmata il 21 dicembre 2016.

Risposte alle domande più frequenti (FAQs)

FAQ n. 1

Domanda:

Come accedere alla mappa degli stalli?

Risposta:

URL: www.venis.it/gara_smartparking/low_mestre_marghera_parcheggiaevai_def.pdf

FAQ n. 2

Domanda:

Il cap. 2 del Disciplinare di gara "Importo e durata contrattuale" non specifica la durata del contratto ma solo il tempo massimo per la realizzazione della "prestazione" (110 giorni solari); in altri punti del documento Ë richiesta la garanzia di 2 anni su - sensori e repeater/gateway/modem/router, - software di centrale - app per smartphone dalla data di rilascio del certificato di regolare esecuzione. L'allegato tecnico a pag. 15, tuttavia, specifica che "Il sensore non deve prevedere manutenzione per almeno 5 anni dalla sua installazione" e a pag. 17 (punto E.) "alimentazione con batteria interna. Durata garantita ... superiore o uguale 8 anni". Ancora, il Disciplinare di gara, al punto g) dei requsiti delle "tecnologie di rilevazione" (pag. 8) specifica "l'alimentazione dovr‡ essere ottenuta da batteria interna con autonomia garantita ... superiore o uguale 8 anni". Si chiede di CHIARIRE la durata contrattuale, alla quale Ë legato il periodo di garanzia, e di chiarire se per i requisiti riferiti a periodi di tempo superiori siano da prevedere interventi di manutenzione al di fuori dell'importo contrattuale.

Risposta:

Si conferma che la prestazione/fornitura (realizzazione del progetto oggetto della procedura di gara) dovrà essere completata entro e non oltre 110 (centodieci) giorni solari dalla stipula del contratto di aggiudicazione.

Il periodo di garanzia previsto è di anni 2 (due) dalla data di rilascio del certificato di regolare esecuzione della fornitura.

Al Paragrafo 1 “Oggetto” del disciplinare di gara, al punto s) (pagina 12), al fine di poter valutare completamente l’offerta del fornitore, è richiesta l’elaborazione di un listino della validità minima di anni 4 (quattro) dalla data di rilascio del certificato di regolare esecuzione della fornitura, per:

· la sostituzione dei dispositivi (tecnologie di rilevazione, repeater, gateway, modem 3G/4G/LTE, router, o altre nuove tecnologie di connessione quale 5G) compresi i costi dell'hardware che si dovessero rendere necessari al termine del periodo di garanzia;

· interventi sul software centrale e App che si dovessero rendere necessari al termine del periodo di garanzia.

FAQ n. 3

Domanda:

Il paragrafo 6.2 del Disciplinare di gara "Risposta tecnica - Offerta tecnica", alle pagg. 30-34, descrive la struttura del documento da redigere e ne illustra i contenuti dei singoli paragrafi. Nel testo del paragrafo, tuttavia, la parola ricorrente Ë "piattaforma" che nel resto del documento e nell'Allegato tecnico (si veda il paragrafo 1.1 "Tecnologie ricorrenti") Ë utilizzato come riferimento alla parte software ed all'infrastruttura centrale per la raccolta ed elaborazione dei dati. Se l'interpretazione Ë corretta, l'unico punto in cui sembra richiesta la descrizione dei dispositivi di campo Ë il paragrafo B.1 (secondo elemento dell'elenco); in nessun punto sembra essere prevista, invece, la descrizione della rete (o delle reti) di reti per la comunicazione bidirezionale fra sensori di campo e sistema centrale. Si chiede di specificare in quali paragrafi dell'offerta tecnica debbano essere descritti gli elementi "dispositivi di campo" e "reti di comunicazione".

Risposta:

La descrizione dei dispositivi di campo e della rete per la comunicazione bidirezionali fra sensori di campo e sistema centrale va descritta nel paragrafo B.1

FAQ n. 4

Domanda:

Con riferimento alla gara PON METRO 2014-2020 Cod. Progetto VE2.2.1.b, chiediamo una proroga della scadenza dei termini di presentazione dell'offerta al 30/09/2017. Ciò è dovuto alla complessità dell'offerta, al fine di poter fornire la migliore risposta

Risposta:

In considerazione delle tempistiche pianificate del progetto non è possibile concedere proroghe

FAQ n. 5

Domanda:

E' possibile avere una pianta dettagliata in formato digitale (ad es. pdf, swg, png, ecc.) della dislocazione dei 1949 stalli di sosta nelle due aree Zona Rossa e Zona Arancio, in aggiunta alla mappa generale delle zone indicata nel capitolato?

Risposta:

Non è disponibile una planimetria dettagliata degli stalli in formato digitale.

FAQ n. 6

Domanda:

E' possibile avere una pianta in formato digitale (ad es. pdf, swg, png, ecc.) del dispiegamento dell'infrastruttura di rete in fibra e della rete elettrica nell'area oggetto di gara e a disposizione di VENIS?

Risposta:

E' disponibile esclusivamente la mappa della dorsale ottica e dei rilegamenti nelle aree oggetto di gara. Per motivi di sicurezza viene condivisa una mappa in bassa risoluzione reperibile alla URL: http://www.venis.it/gara_smartparking/Gara_Smart_Parking_mappa_fibra_zone_arancio_rossa_low.jpg

Non è disponibile una pianta in formato digitale della rete elettrica nell'area oggetto di gara.

FAQ n. 7

Domanda:

E' possibile utilizzare, laddove disponibili e in disposizione di VENIS, infrastrutture verticali di sostegno già esistenti (ad esempio i pali della pubblica illuminazione)? In caso affermativo, chiediamo di elencare le infrastrutture che possono essere impiegate e la pianta dettagliata in formato digitale (ad es. pdf, swg, png, ecc.) della loro dislocazione.

Risposta:

Sarà possibile utilizzare infrastrutture verticali di sostegno già esistenti di proprietà del Comune di Venezia. Non è disponibile un elenco delle infrastrutture che potranno essere impiegate e non è disponibile la pianta dettagliata in formato digitale della loro dislocazione.

FAQ n. 8

Domanda:

Con riferimento alla dichiarazione di subappalto, si chiede conferma di non dover indicare la terna dei subappaltatori.

Risposta:

Qualora l’operatore intenda ricorrere al subappalto, considerati i limiti previsti dall’art. 105 D.Lgs. 50/2016, è obbligatoria l’indicazione della terna dei subappaltatori ai sensi del comma 6 del predetto articolo.

In considerazione di quanto sopra l’operatore economico dovrà obbligatoriamente compilare la parte II lettera d) del DGUE.

FAQ n. 9

Domanda:

Con riferimento al listino della validità minima di anni 4 (quattro) dalla data di rilascio del certificato di regolare esecuzione della fornitura, di cui alla lettera s pagina 12 del disciplinare di gara, si chiede di indicare la busta virtuale in cui andrà inserito.

Risposta:

Andrà inserito nell’Offerta Tecnica

FAQ n. 10

Domanda:

Si chiede di confermare che, in ottemperanza a quanto disposto all’Art. 105 – comma 2, del Decreto Legislativo 18 Aprile 2016, N. 50 – Codice dei contratti pubblici - che prevede che : …“Costituisce comunque, subappalto qualsiasi contratto avente ad oggetto attività ovunque espletate che richiedono l’impiego di manodopera, quali le forniture con posa in opera e i noli a caldo, se singolarmente di importo superiore al 2 per cento dell’importo delle prestazioni affidate o di importo superiore a 100.000 euro e qualora l’incidenza del costo della manodopera e del personale sia superiore al 50 per cento dell’importo del contratto da affidare”… laddove il concorrente intenda affidare a Ditta terza la fornitura relativa a parte dei prodotti e servizi di installazione, configurazione ed assistenza tecnica, allorché la componente economica riferibile alle sole prestazioni di manodopera (installazione, configurazione ed assistenza tecnica) sia inferiore al 50% dell’intero subcontratto affidato alla Ditta terza, tale circostanza determina che il sub affidamento in questione non è qualificabile quale subappalto ai sensi del predetto Art. 105 – comma 2, del Decreto Legislativo 18 Aprile 2016, N. 50.

Risposta:

Si conferma

FAQ n. 11

Domanda:

Con riferimento a quanto scritto a pag. 32 del "Disciplinare di gara ...", criterio di valutazione B.6: "- Tools per il testing della soluzione su larga scala e validazione dei processi per misurare l'impatto delle applicazioni IoT in ogni ambito cittadino - Inclusione di strumenti per misurare gli impatti della piattaforma (economici, tecnici, sociali) e misuraziuone attraverso KPIs" chiediamo di fornire maggiori dettagli aggiuntivi rispetto alla breve descrizione degli strumenti richiesti.

Risposta:

Il dettaglio è riportato al punto 7.2.7 “ Bi +Reporting lettera c) dell’Allegato Tecnico al Disciplinare di Gara (Allegato 1).

Viene lasciata agli offerenti la facoltà di estendere tali funzioni in un’ottica di proposizione di migliorie proponendo l’utilizzo di strumenti “social” o di messaggistica condivisa.

FAQ n. 12

Domanda:

Si chiede di confermare l'interpretazione che i costi di esercizio della rete di trasmissione (pag 9, punto k) del Disciplinare di gara) saranno a carico della Stazione Appaltante e che i soli costi per l'attivazione e/o configurazione per servizi di connessione saranno a carico dell'offerente. Nel comtempo, nel caso in cui l'offerernte proponga una soluzione tecnologica che preveda l'assenza dei costi di trasmissione in quale ambito questa facilitazione possa essere presentata e se verr‡ valutata in alcun modo

Risposta:

Si conferma che i costi di esercizio della rete di trasmissione dati saranno a carico della Stazione Appaltante e che i soli costi per l’attivazione e/o configurazione per servizi di connessione saranno a carico dell’offerente.

La facilitazione va descritta/presentata nella sezione B “Proposte per la piattaforma” ed in particolare sarà valutata secondo quanto descritto nel documento “Criteri di Valutazione – allegato 5” sezione B.1 “Obiettivi e architettura tecnico-funzionale della piattaforma”. 

FAQ n. 13

Domanda:

Con riferimento al punto 1.d del Disciplinare di gara (pag. 6 e pag. 15) sulla tolleranza massima del tempo di risposta si chiede a quale livello del sistema centrale verr‡ verificata la presenza dell'informazione (Network server, server applicativo middleware, applicativo software di visualizzazione, ...) e cosa si intende per "istante in cui si produce l'evento". In particolare la richiesta di chiarimento intende verificare se i 20 secondi richiesti sono relativi: - al tempo di commutazione di stato del sensore in campo ovvero - al tempo di comunicazione tra il sensore di stato e l'interfaccia di visualizzazione nel centro di controllo ovvero - alla somma dei due tempi sopracitati

Risposta:

La presenza dell’informazione verrà verificata a livello di software di visualizzazione.

Per “istante in cui si produce l’evento” si intende il tempo risultante dalla somma tra il tempo di commutazione di stato del sensore in campo ed il tempo di comunicazione tra il sensore di stato e l’interfaccia di visualizzazione nel centro di controllo.

FAQ n. 14

Domanda:

Con riferimento alla ripartizione degli stalli di pag 5 del Disciplinare di gara ed alla mappa indicata, si chiede di specificare per ciascuna delle aree di parcheggio della mappa:

a) il numero di stalli di parcheggio

b) il tipo di pavimentazione (asfalto / cemento / terra)

c) il numero di parcometri installati

d) la disponibilità di almeno un palo della pubblica illuminazione;

si chiede inoltre di chiarire se i parcheggi indicati con il simbolo "P" sulla mappa e con etichetta "PARCHEGGIeVAI" "S. Maria dei Battuti" e "Castellana A" devono essere considerati per il sistema di smart parking da realizzare, essendo al di fuori sia della Zona Rossa che della Zona Arancio.

Risposta:

a) il numero di stalli di parcheggio è indicato a pagina 5 del Disciplinare di Gara, suddivisi per zona e tipologia;

b) la pavimentazione è così suddivisa: circa il 90% asfalto e circa il 10% bettonelle;

c) i parcometri installati sono 26 nella Zona Rossa e 20 nella Zona Arancio per un totale di 46 unità;

d) Non si garantisce la disponibilità di almeno un palo della pubblica illuminazione.

I parcheggi indicati con il simbolo "P" sulla mappa e con etichetta "PARCHEGGIeVAI" "S. Maria dei Battuti" e "Castellana A" NON devono essere considerati per il sistema di smart parking da realizzare.

FAQ n. 15

Domanda:

L'Allegato tecnico a pag. 30 richiede "l'integrazione a sistema dei parcometri già in esercizio": si chiede di fornire la documentazione tecnica per valutare l'impegno necessario a tale integrazione e di indicare in quale paragrafo dell'offerta tecnica debba essere descritta. Inoltre, si chiede se i parcometri installati siano dotati di lettori di tessere (a micro-chip, smart-card, ecc.) per eseguire la funzionalità di "Comunicazione della sosta in abbonamento o permesso" (par. 7.2.4 dell'Allegato tecnico) o se si prevede di dotarne i parcometri in futuro.

Risposta:

La documentazione tecnica è reperibile ai seguenti link:

http://www.venis.it/gara_smartparking/Specifiche_API_Input_Remote_data_access.pdf http://www.venis.it/gara_smartparking/Specifiche_API_Input_Enforcement.pdf

La descrizione dell’integrazione a sistema dei parcometri già in esercizio va riportata al paragrafo dell’Offerta Tecnica B.2 Inoltre si conferma, come meglio dettagliato al punto 9 dell’Allegato Tecnico al Disciplinare di Gara (Allegato 1), che i parcometri installati sono dotati di lettori di tessera con microchip e tastiera per digitazione del PIN (standard EMV).

I parcometri installati non sono dotati di lettori di carte contactless né si prevede di dotarli.

FAQ n. 16

Domanda:

Si chiede di confermare l'interpretazione che i costi di esercizio della rete di trasmissione (pag 9, punto k) del Disciplinare di gara) saranno a carico della Stazione Appaltante e che i soli costi per l'attivazione e/o configurazione per servizi di connessione saranno a carico dell'offerente.

Risposta:

Si conferma che i costi di esercizio della rete di trasmissione dati saranno a carico della Stazione Appaltante e che i soli costi per l’attivazione e/o configurazione per servizi di connessione saranno a carico dell’offerente.

FAQ n. 17

Domanda:

Con riferimento al calcolo dell'indice di disponibilità del sistema (pag 15 del Disciplinare di gara), si chiede di confermare che l'importo della penale (euro 300 per ogni punto al di sotto del 98%) sia da riferire all'intero sistema e non al singolo sensore; nel caso sia da riferire al singolo sensore, l'importo sarebbe: euro 300 x (numero di sensori installati).

Risposta:

L’importo della penale è da riferire all’intero sistema.